Home Vegetazione Sorbo degli uccellatori

Il sorbo degli uccellatori

Foglie e infruttescenze del sorbo degli uccellatori (Foto di Visulogik, tratta da www.flickr.com)Il sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) è un alberello alto fino a 10-15 metri, diffuso soprattutto dalla fascia montana a quella subalpina. La corteccia è liscia e grigia con lenticelle evidenti. Le foglie sono composte, formate da 13-15 foglioline a margine seghettato, che d’autunno assumono una colorazione rossastra.
Questo sorbo in tarda primavera fa bella mostra di sé grazie alle bianche infiorescenze a corimbo, di circa 15 cm di diametro, che si trasformano poi in infruttescenze costituite da piccoli pomi di un vivace colore rosso scarlatto, che maturano in autunno e danno alla pianta un buon valore ornamentale.
Il nome di questo grazioso alberello è dovuto al fatto che i frutti abbondanti sono assai ricercati dagli uccelli, tanto che i cacciatori si appostavano presso alberi di questa specie per catturare i volatili. Proprio gli uccelli contribuiscono alla disseminazione, in quanto i semi non vengono digeriti e quindi possono germinare una volta evacuati.
Il sorbo degli uccellatori è diffuso in tutta Italia a partire dal piano collinare e si può spingere, nelle Alpi, fino a 2.300 metri di quota. Specie adattabile a diversi ambienti, vegeta in boschi di conifere e di latifoglie soprattutto nel piano basale montano, nelle radure, negli arbusteti e sulle pendici detritiche e sassose. Generalmente questo sorbo vive in luoghi asciutti ed esposti al sole, ma si adatta ad ogni tipo di terreno. Si ritrova spesso isolato o in gruppi, raramente in popolamenti più estesi.
Aciduli e poco saporiti, i frutti del Sorbus aucuparia possono essere mangiati solo dopo la cottura; con essi si possono fare ottime marmellate e gelatine e, dopo fermentazione, bevande alcoliche. Grazie alle loro proprietà astringenti ed antinfiammatorie hanno anche usi medicamentosi e cosmetici; una volta essiccati, si possono conservare e utilizzare per fare un decotto con virtù medicinali (antiemorragico, astringente, diuretico).
Il legno, duro e resistente, è utilizzato per lavori al tornio e intaglio, per la produzione di manici degli utensili, attrezzi agricoli e sculture.
Nella tradizione questa pianta simboleggia il ritorno della luce dopo l’oscurità dell’inverno, grazie al fogliame rado che permette all’erba di crescere sul terreno sottostante.

Traduttore automatico

English French Italian

Calcolo IUC 2017

banner calcoloiuc

Galleria Fotografica

Ambiente

Link utili

Accessibilità

Area riservata